Tecnologia

Rettifica topologica a generazione

Nella rettificatura a generazione una parte delle modiche da realizzare sono applicate alla mola ed una parte al ciclo di rettifica.  Con una interpolazione di più assi tra il ravvivatore e la mola durante la ravvivatura a doppio fianco, viene generato il prolo desiderato della mola a vite punto per punto creando qualsiasi tipo di prolo desiderato senza l’utilizzo di un rullo dedicato.

Gli “svantaggi” di questo tipo di ciclo consistono in un allungamento dei tempi di avvio produzione e del ciclo di ravvivatura, rispetto alla ravvivatura standard.

I vantaggi si vedono paragonando questo tipo di lavorazione con una lavorazione eseguita con mola di forma, che pur avendo tempi di ravvivatura più lunghi, permette un tempo di lavorazione inferiore rispetto alla lavorazione eseguita a di mola di forma, diminuento al contempo il rischio di bruciature ed i tempi di produzione.

Qui sotto un esempio di proli ottenibili con questa tecnologia con un ottimo rapporto qualità / tempi di lavorazione:

Rettifica con funzione shifting chain o shifting di struttura:

Le continue richieste di mercato specialmente nel mondo automotive inerenti alla silenziosità di rotolamento hanno fatto si che dotassimo i nostri impianti delle dovute tecnologie antirumore di ultima generazione.

Lo “structure shifting”realizzato da KAPP genera delle micro oscillazioni della mola durante la fase di lavorazione, che sono perpendicolari rispetto alla fascia della dentatura, così da “rompere” le creste longitudinali generate dalla rotazione della mola rispetto al dente.

Qui sotto potete osservare come si presentano le due tipologie di lavorazioni antirumore che possiamo offrirvi.

Supernitura

Gli attuali risultati della ricerca riportano i miglioramenti dei gradi di rendimento dei cambi a ingranaggi senza gli svantaggi della loro durata se la rugosità dei anchi del dente viene ridotta e si utilizzano olii a ridotta viscosità nei cambi. Le motivazioni di base di questi risultati sono le ricerche svolte da KAPP su dentature lavorate con mole lucidanti nel ciclo di nitura.

Le qualità delle superci con Rz  1 m possono essere ottenute con l’integrazione di un processo di supernitura sulle rettificatrici per dentature.

Le moderne rettificatrici KAPP orono oggi la possibilità di utilizzare la tecnologia della superfunitura sia nel metodo a prolo che a generazione a vite.

Rettificatura a profilo

Nella rettificatura a prolo vengono utilizzate in aggiunta alle mole convenzionali (ravvivabili o elettro deposte) delle mole di supernitura. Entrambe le mole vengono montate in contemporanea su un mandrino porta mole. Alla fine del processo di rettificatura convenzionale viene svolto un ulteriore ciclo con la mola di superfinitura durante la stessa presa pezzo per ottenere la qualità di rugosità desiderata.

 

Rettificatura a generazione a vite

Nel campo della produzione di serie di ruote dentate oggi si utilizza il metodo di rettificatura a vite grazie alla ottimale produttività. Con l’uso di mole combinate vi è la possibilità di realizzare, nello stessa presa pezzo, rugosità nel campo Rz 0,5 - 1 m. L’ulteriore necessario ciclo di regola richiede meno del 50% del tempo di una rettificatura convenzionale.